Web Analytics
Blog
Mostra contenuto corrente come feed RSS

Blog


1 - 10 di 11 risultati
Pubblicato il da

Saghe letterarie: La famiglia Forsyte di John Galsworthy

 

300-John_Galsworthy_1

 

John Galsworthy (1867 - 1933) è stato un romanziere e drammaturgo inglese, vincitore del Premio Nobel per la letteratura nel 1932 con la saga dei Forsyte. 

 

La famiglia di Galsworthy, appartenente al patrimonio agricolo del Devonshire risalente al XVI secolo, aveva fatto una discreta fortuna con le sue proprietà nel XIX secolo. Suo padre era un avvocato. John studiò all'Harrow e al New College di Oxford, Galsworthy, con l'obiettivo di specializzarsi in diritto marittimo. 

 

Fece un viaggio intorno al mondo, durante il quale incontrò lo scrittore Joseph Conrad, che viaggiava su una nave mercantile. Divennero poi amici per tutta la vita. Galsworthy ritenne che studiare legge fosse poco congeniale perciò si mise a scrivere.

 

Per le sue prime opere, From the Four Winds (1897), una raccolta di racconti, e il romanzo Jocelyn (1898), entrambi pubblicati a proprie spese, utilizzò lo pseudonimo di John Sinjohn.

 

Con Il Possidente (The Man of Property, 1906) iniziò il primo volume della fortunata serie nota come The Forsyte Saga, con cui Galsworthy è ricordato.  La saga racconta le vite di tre generazioni di una grande famiglia dell'alta borghesia all'inizio del secolo. Avendo recentemente raggiunto la ricchezza e il successo nel mondo della professione e degli affari, i Forsyte sono tenacemente ansiosi di aumentare la loro ricchezza. 

 

I romanzi illustrano che il loro desiderio di proprietà è moralmente sbagliato. La saga alterna diatribe contro la ricchezza con passaggi vivaci che descrivono caratteri e circostanze contradditorie verso la società.

 

Nel Il Possidente, Galsworthy attacca i Forsyte attraverso il personaggio di Soames Forsyte, un avvocato che considera sua moglie Irene come una mera forma di proprietà. Irene trova suo marito fisicamente poco attraente e quindi si innamora di un giovane architetto che poi muore disgraziatamente. 

 

Gli altri romanzi della saga, ripercorrono il successivo divorzio tra Soames e Irene, i secondi matrimoni che fanno e gli eventuali intrecci romantici dei loro figli.

 

Nel 1905 Galsworthy sposò Ada Pearson, la moglie divorziata del suo primo cugino, AJ Galsworthy. Galsworthy era stato, in segreto, strettamente associato alla sua futura moglie per circa dieci anni prima del loro matrimonio.

 

Il personaggio di Irene ne  Il possidente  è in una certa misura un ritratto di Ada Galsworthy, sebbene il suo primo marito fosse completamente diverso da Soames Forsyte.

 

I romanzi di Galsworthy, per il loro punto di vista sociale notevolmente semplificato, furono visti come modelli fedeli della vita inglese per un certo periodo. Galsworthy è ricordato soprattutto per questa evocazione della vita dell'alta borghesia vittoriana ed edoardiana e per la sua creazione di Soames Forsyte, un personaggio antipatico che tuttavia costringe la simpatia del lettore.

 

Nella motivazione per il Premio Nobel del 1932 è scritto "per la sua illustre arte della narrazione che assume la sua forma più alta nella Saga dei Forsyte " 

 

garson-_flynn


La saga è stata più volte adattata per il grande e piccolo schermo, si può citare il film omonimo del 1949 con Errol Flynn nella parte di Soames e Greer Garson in quella di Irene. 

 

Il libro 

IL POSSIDENTE

 

possidente-1

 

 

 

 

 

Leggi tutto il messaggio
Altre informazioni: narrativa inglese
Pubblicato il da

Hemingway biografia della sorella Marcelline

 

Marcelline Hemingway Sanford era la sorella maggiore di Ernest. Il suo libro di memorie venne pubblicato per la prima volta nel 1962 dopo il suicidio del fratello

 

Ernest_Hemingway_with_sister_Marcelline_and_friends,_1920.1

Nella foto Hemingway nel 1920 con alcuni amici e la sorella Marcelline

 
Non sorprende che i due fratelli fossero insolitamente vicini durante i suoi anni formativi, dall'inizio del secolo e fino agli anni '20. In effetti, la loro incurabilmente romantica madre aveva immaginato di dare alla luce due gemelli, quindi quando i primi due dei suoi sei figli si separarono a 18 mesi di distanza, li accoppiò comunque. Li vestì allo stesso modo e Marcelline fu trattenuta per un anno in modo che lei ed Ernest potessero andare a scuola nella stessa classe. 


La loro madre, Grace Hall Hemingway, era una ricercata insegnante di musica che esponeva i suoi figli a concerti, opera, teatro e musei. 
Il loro medico-padre, Clarence (Ed) Hemingway, insegnò loro a cacciare, pescare e venerare la natura, specialmente durante le estati presso il cottage rustico della famiglia nel nord del Michigan.

 

«Un estate papà ordinò al Montgomey Ward di Chicago un lanciapiattelli e tre barili di piattelli da mandare al cottage. Fu un momento memorabile per noi. Papà riteneva altrettanto importante che imparassimo a sparare come a nuotare. »

 

Il libro della sorella maggiore è sottotitolato, Un ritratto di famiglia e appassionati sono i suoi ricordi di nonni, zii e zie, una madre gentile e di talento e le sue cinque sorelle e fratelli. Ernest riceve l'attesa enfasi e viene visto crescere, diventare un giornalista e infine allontanato dai suoi genitori. 


«Alla base di tutta la gioia di Ernest per le sue nuove esperienze e per il lavoro al giornale c'era il suo grande impellente desiderio di partecipare alla guerra. Aveva cercato di arruolarsi in tutti i servizi, mi scriveva. Ma tutti lo avevano rifiutato, non perché fosse minorenne, dal momento che aveva passato i diciotto anni, quanto piuttosto per non essere riuscito a superare gli esami medici a causa della sua vista debole da un occhio».

 

Ma non si perse d'animo "in qualche nodo riuscirò ad andare in Europa" gli scrisse, entrerà poi come volontario per la Croce Rossa. 


Con la loro residenza principale a Oak Park, nell'Illinois e la loro residenza estiva a Walloon Lake, nel Michigan, vi si raccontano le esperienze di Hemingway da bambino e ragazzo, così come il suo periodo in Italia, Parigi e Spagna che fanno parte di questo tesoro della storia di Hemingway. 

La scrittura di Marcelline Hemingway Sanford è pulita e le sue narrazioni sono molto nitide e coinvolgenti, con una meravigliosa caratterizzazione dei familiari e degli amici che hanno influenzato Ernest Hemingway.

Oltre alle fotografie selezionate dalla famiglia, il libro contiene alcune lettere di Hemingway alla sorella, ai genitori e agli amici. Il resoconto della guerra, il ferimento, le lettere dalla convalescenza e dell'amore per Agnes von Kurowsky. Marcelline svelerà anche nodi delicati e poco noti sull'origine della frizione di Ernest con i genitori, che causò la loro progressiva estraneità. 

 

 

hemingway-ritratto-sorella

 

Il libro è disponibile su questo sito 

Un ritratto di famiglia - Marcelline Hemingway Sanford

 

 

Leggi tutto il messaggio
Altre informazioni: biografie, hemingway
Pubblicato il da

Il Romanzo Sociale: La Giungla di Upton Sinclair

 

Tra i romanzi a sfondo sociale La giungla è un libro del 1906 scritto dal giornalista e romanziere americano Upton Sinclair (1878-1968). Sinclair descrive le dure condizioni e lo sfruttamento delle vite degli immigrati negli Stati Uniti in particolar modo a Chicago e altre città industrializzate. Il suo scopo principale era mettere in luce la fiorente industria della carne e le drammatiche condizioni di lavoro degli operai. 

 

 

up

 

 

 

La maggior parte dei lettori però si interessò ai numerosi brani che esponevano le violazioni della salute e le scarse pratiche igieniche nell'industria americana del confezionamento di carne all'inizio del XX secolo, il che contribui notevolmente a una protesta pubblica, portando ad alcune riforme tra cui la legge sui controllio sanitari della carne. Sinclair disse notoriamente della reazione del pubblico: "Ho mirato al cuore del pubblico e per caso l'ho colpito allo stomaco".

 

Nella trama Jurgis Rudkus e Ona Lukoszaite, un giovane uomo e una donna sono degli immigrati dalla Lituania a Chicago, tengono la loro festa di nozze in un bar nella zona di Chicago conosciuta come Packingtown. La coppia e diversi parenti sono venuti a Chicago in cerca di una vita migliore, ma Packingtown, il centro dell'immigrazione lituana e dell'industria del confezionamento di carne di Chicago, è un luogo duro, pericoloso e sporco dove è difficile trovare un lavoro. 


Dopo l'accoglienza, Jurgis e Ona scoprono di essere in debito di oltre cento dollari verso i gestori del locale. In Lituania, l'usanza impone che gli ospiti di una festa nuziale lascino soldi per coprire i costi, ma in America molti immigrati poveri si allontanano dalla festa senza lasciare soldi. Jurgis, che ha una grande fiducia nel sogno americano, giura che semplicemente lavorerà di più per fare più soldi.

 

Jurgis, giovane ed energico, trova rapidamente lavoro, così come Marija Berczynskas, cugina di Ona, e Jonas, fratello della matrigna di Ona, Teta Elzbieta. La famiglia firma un accordo per l'acquisto di una casa, ma risulta essere una truffa; l'accordo è pieno di cavilli nascosti e la casa risulta scadente e mal mantenuta. Con l'aumentare delle spese di soggiorno della famiglia, anche gli altri componenti sono costretti a cercare lavoro. 

 

I lavori a Packingtown sono precari e in condizioni non sicure, con scarso rispetto per i singoli lavoratori. Inoltre, la comunità di immigrati è ricca di criminalità e corruzione. Il padre di Jurgis, Dede Antanas, trova lavoro solo dopo aver accettato di pagare a un altro uomo un terzo del suo stipendio per averlo aiutato a ottenere il lavoro. Ma il lavoro è troppo difficile per il vecchio. 

 

the-jungle-macelli

 

 

L'inverno è la stagione più pericolosa a Packingtown e persino Jurgis, costretto a lavorare in un mattatoio non riscaldato, in cui è difficile vedere dalle esalazioni, rischia la vita ogni giorno semplicemente andando al lavoro. Marija è corteggiata da Tamoszius, un simpatico violinista, ma la coppia non è mai in grado di sposarsi perché non ha mai abbastanza soldi per organizzare un matrimonio. 

 

La fabbrica di Marija chiude e lei perde il lavoro. Angosciato dalle terribili condizioni della vita dei suoi familiari, Jurgis si unisce a un sindacato e inizia lentamente a comprendere la rete di corruzione politica che fa funzionare Packingtown. Sperando di migliorare il suo destino, Jurgis cerca di imparare l'inglese. Marija riacquista il suo lavoro, ma viene licenziata quando si lamenta di essere stata truffata di una parte della sua retribuzione.

Ona è ora incinta e il suo lavoro è diventato sempre più difficile per lei. Il suo supervisore, la signorina Henderson, controlla un giro di prostituzione e la maggior parte delle altre ragazze della fabbrica sono fatte per essere prostitute. Ona darà alla luce un bambino in buona salute che lei e Jurgis chiamano Antanas in onore del defunto padre di Jurgis, ma sarà costretta a tornare al lavoro solo sette giorni dopo...

 

Il libro descrive la povertà della classe lavoratrice, la mancanza di supporti sociali, le condizioni di vita e di lavoro duri e spiacevoli, e la disperazione che serpeggia tra molti lavoratori. Questi elementi entrano in contrasto con la corruzione profondamente radicata delle persone al potere. 


Il tema principale di La giungla è il male del capitalismo. Ogni evento, specialmente nei primi ventisette capitoli del libro, viene scelto deliberatamente per rappresentare un particolare fallimento del capitalismo, che è, a giudizio di Sinclair, disumano, distruttivo, ingiusto, brutale e violento. Il lento annientamento della famiglia immigrata di Jurgis da parte di un sistema economico e sociale crudele e prevenuto, dimostra l'effetto del capitalismo sull'intera classe operaia. Mentre gli immigrati, che inizialmente possiedono una fede idealistica nel sogno americano del duro lavoro che porta al successo materiale, vengono lentamente consumati, torturati e distrutti. 

 

Sinclair non attacca il sogno americano; usa invece la disintegrazione della famiglia per illustrare la sua convinzione che il capitalismo stesso è un attacco ai valori che sostengono il sogno americano, il quale da tempo è stato reso vuoto dal valore immorale dell'avidità.

 

Forse il simbolo più importante del romanzo sono i recinti e i macelli di Packingtown, che rappresentano in modo semplice e diretto la difficile situazione della classe operaia. Proprio come gli animali a Packingtown che vengono radunati in recinti, uccisi impunemente, fatti soffrire senza avere scelta sul loro destino, così anche le migliaia di poveri lavoratori immigrati sono costretti a entrare nell'ingranaggio del capitalismo, che li abbatte e li uccide senza dar loro alcuna scelta. Onde di animali attraversano Packingtown in un flusso costante, mentre migliaia di loro vengono macellati ogni giorno e sostituiti da altri, proprio come generazioni di immigrati vengono rovinati dal lavoro spietato e dall'oppressione del capitalismo e infine sostituiti da nuove generazioni di immigrati.

 

Storicamente, l' effetto più importante del romanzo fu probabilmente il passaggio della legge Pure Food and Drug Act del 1906, emanato in risposta alle proteste del pubblico sulla rappresentazione del romanzo e la pratica dell'industria della carne di vendere carne marcia e malata a clienti ignari. Sinclair usa le lattine di carne marcia e malsana per rappresentare la corruzione essenziale del capitalismo e l'ipocrisia del sogno americano. Le lattine hanno superfici lucide e attraenti di fuori, ma all'interno contengono una massa di carne putrida inadatta al consumo umano. Allo stesso modo il capitalismo americano presenta un volto attraente agli immigrati, ma l'America che trovano risulta marcia e corrotta. 

 

 

up-sinclair-giungla

 

Acquista il libro qui (ultima copia disponibile) 

LA GIUNGLA - UPTON SINCLAIR 

 

 

 

VEDI ANCHE LA SEZIONE

Narrativa americana

 

 

 

Leggi tutto il messaggio
Altre informazioni: narrativa americana
Pubblicato il da

Titanic la storia vera raccontata da un sopravvissuto

Leggi tutto il messaggio: Titanic la storia vera raccontata da un sopravvissuto

Archibald Gracie fu uno dei sopravvissuti alla tragedia del Titanic avvenuta il 15 aprile 1912. Egli sopravvisse salendo a bordo di una scialuppa rovesciata poi scrisse la propria testimonianza nel libro "La verità sul Titanic"

 

 

Gracie s'imbarcò a bordo del Titanic a Southampton il 10 aprile 1912 e gli venne assegnata la cabina di prima classe. Trascorse gran parte del viaggio con la compagnia di varie donne sole che poi si salvarono. 

«Penso che i lettori abituati a racconti di avventure elettrizzanti saranno felici di apprendere in prima persona l'eroismo mostrato sul Titanic da coloro ai quali è mio privilegio e triste dovere pagare questo tributo. Limiterò i dettagli della mia narrazione per la maggior parte a ciò che ho visto, fatto e ascoltato personalmente durante quel viaggio inaugurale del Titanic, che non è stato mai dimenticato, conclusosi con il naufragio e l'affondamento intorno alle 2.22 di lunedì 15 aprile 1912, dopo aver colpito un iceberg con la perdita di 1.490 vite»

 

Stoewer_Titanic.1

 

Gracie socializzò con un gruppo di passeggeri chiamato "la nostra coterie", il nostro circolo. Trascorse anche del tempo a leggere libri che aveva trovato nella biblioteca di prima classe e a discutere della guerra civile con l'imprenditore Isidor Straus . Era conosciuto tra gli altri passeggeri di prima classe come un instancabile narratore con una scorta inesauribile di storie sulla guerra civile americana in generale.


Insieme a Straus assistettero come segno premonitore a un mancato scontro con una nave passeggeri britannica la SS New York ferma sul molo, mentre lo spostamento dell'acqua del Titanic provocò un ondata che tolse la nave più piccola dai suoi ormeggi e quasi causò una collisione.


Straus e sua moglie furono due delle centinaia di vittime quella mattina del 1912, vennero visti abbracciati per l'ultima volta sul ponte. 

 

Il 14 aprile, Archibald decise di aver trascurato la sua salute, quindi fece un po 'di esercizio fisico sui campi da squash e qualche nuotata nella piscina della nave. Pranzò presto e trascorse il resto della giornata a leggere e socializzare. Andò a letto presto, con l'intenzione di iniziare subito la mattina successiva una partita sui campi da squash della nave. Non immaginava che quella partita non l'avrebbe mai giocata. 

 

Verso le 23:45, Gracie venne svegliato da una scossa. Si sedette e si rese conto che i motori della nave erano fermi e si vestì parzialmente, indossando una giacca Norfolk sopra i suoi abiti normali. Raggiunto il ponte si rese conto che la nave si stava inclinando  leggermente. Ritornò nella sua cabina per mettersi il giubbotto di salvataggio e sulla via del ritorno trovò le donne che aveva accompagnato.

Le scortò fino al ponte della barca e si assicurò che entrassero nelle scialuppe di salvataggio. Quindi recuperò alcune coperte per le donne nelle barche e insieme al suo amico Smith aiutò il secondo ufficiale Charles Lightoller a riempire le scialuppe di salvataggio con donne e bambini.

Mentre la parte anteriore della nave affondava sotto la superficie e l'acqua arrivava verso di loro, Gracie afferrò una maniglia e si tirò sul tetto del ponte. La risacca causata dall'affondamento della nave spinse giù Gracie; si liberò dalla nave e salì in superficie vicino alla scialuppa "B" pieghevole rovesciata. Si arrampicò sulla scialuppa di salvataggio rovesciata insieme a qualche altra dozzina di uomini nell'acqua. Il suo amico Clinch Smith scomparve; i suoi resti non furono mai trovati.

Nel suo libro di memorie, Gracie suppone che Smith rimase impigliato con le corde e altri detriti sulla nave e non riuscì a liberarsi.

 

Gracie tornò a New York a bordo del Carpathia e iniziò immediatamente un libro sulle sue esperienze a bordo del Titanic. Il suo è uno dei racconti più dettagliati degli eventi della serata; trascorse mesi cercando di determinare esattamente chi ci fosse in ciascuna scialuppa di salvataggio e quando si sono verificati determinati eventi.


Archibald Gracie morì prima che potesse finire di correggere le prove del suo libro,  pubblicato nel 1913 con il titolo originale, The Truth About the Titanic diventando un punto di riferimento sui fatti della tragedia. Egli non si riprese mai dal travaglio che subì durante l'affondamento del Titanic ; come diabetico, la sua salute venne gravemente compromessa dall'ipotermia e dalle lesioni fisiche che subì. Morirà di complicazioni dovute al diabete il 4 dicembre 1912, meno di otto mesi dopo l'affondamento. 

Il personaggio di Grace è stato rappresentato diverse volte al cinema un esempio è dall'attore Bernard Fox nel film Titanic (1997) di James Cameron, dove parla con un accento inglese incongruo nonostante sia americano.

 

VEDI LA NOSTRA  SELEZIONE DI LIBRI IN OFFERTA

 

 

 

gracie-titanic

ESAURITO

 

 ALTRI LIBRI SUL MARE

 

Mediterraneo - Predrag Matvejević; ed. Garzanti

 

Hathor. Romanzo del mare - Humbert Du Charbon, Mursia 1998

 

Il Vecchio e il Mare - E. Hemingway; ed. Mondadori

 

Lord Jim - Joseph Conrad - Garzanti 1986

 

 

 

 

 

Leggi tutto il messaggio
Altre informazioni: biografie
Pubblicato il da

Il dentista di Auschwitz: una storia vera

Leggi tutto il messaggio: Il dentista di Auschwitz: una storia vera

 

 

Benjamin Jacobs (1919-2004) è stato un dentista polacco che nel 1941 venne deportato dal suo villaggio al campo di Auschwitz. Rimase prigioniero fino alla fine della guerra. Sopravvisse esclusivamente con l'aiuto dei suoi strumenti dentali esercitando la sua professione all'interno del campo di concentramento. 

 

 

jacob-dentista

 

 

Nel giugno del 1941, centosessanta uomini tra i sedici e i sessant'anni furono prelevati dai nazisti occupanti, dalla piccola città di Dobra, nella Polonia occidentale. Questi sfortunati uomini, strappati alle loro famiglie, saranno destinati a una serie di campi di lavoro e di concentramento. Uno di loro era al primo anno di studi dentistici, Bronek Jaciebowicz (Benjamin Jacobs).

Il giorno del trasporto a ogni uomo furono concessi due pacchi di oggetti. Mentre Benjamin si preparava a partire, sua madre gli consigliò di includere gli strumenti dentistici del primo anno in una scatola rossa. Allora non poteva sapere che questi strumenti gli avrebbero salvato la vita. 

 

Dentist_tool_-_dental_equipment_01


Ad Auschwitz il comandante delle SS Otto Moll aveva un mal di denti e così si fece visitare dal dentista emaciato del campo, un detenuto ebreo di Dobra, in Polonia, di nome Berek Jakubowicz. Sistemandosi sulla sedia, estrasse la pistola e la puntò verso il medico. "Non tentare di fare qualcosa di stupido, dentista", lo avvertì.

«Herr Hauptscharfuhrer», rispose il dentista, sfiorando la pistola  "Non ha di che preoccuparsi. La pistola è proprio qui vicino ". Lui sorrise imbarazzato e rimise la pistola nella fondina. 
Questo è uno dei tanti momenti orribili e memorabili del libro di memorie di Benjamin Jacobs (l'ex Berek Jakubowicz). I suoi strumenti dentali, che portava in una scatola rossa brillante, furono il suo passaporto per la sopravvivenza.


Il comandante aveva ordinato la costruzione di una unità dentistica nel Blocco 7 e Jacob divenne il dentista del campo con alcuni privilegi e razioni supplementari, in attesa che le sue mani rovinate dal lavoro in miniera, fossero guarite. L'arrivo del famigerato dottor Josef Mengele aggiungerà una nota macabra al suo lavoro: cavare i denti d'oro dai detenuti morti.

«Provai disgusto. Non pensavo che qualcuno potesse abbassarsi così tanto. Uccidere la gente era già abbastanza orribile, ma strappare i denti dei morti era una cosa rivoltante. Non pensavo di poterlo fare. Ma era inevitabile. Non avevo altra scelta.» 

Sessant'anni dopo essere sopravvissuto alla deportazione, alla schiavitù, ai pestaggi, alla fame e persino all'affondamento di una nave, Jacobs racconta una storia commovente e dolorosa. Per prendere in prestito una metafora dell'odontoiatria, immagina il dolore di un dente estratto e come può consumare tutto il tuo essere; ora immagina quanto possa sembrare banale se inserito nel contesto di Auschwitz.

C'è anche una breve storia d'amore primaverile nel libro. Uscendo di soppiatto di tanto in tanto da un campo di lavoro, Jacobs avrà una relazione amorosa nei boschi con una giovane donna polacca, Zosia, una persona retta che cercava di salvare lui e suo padre. Una ragazza che viveva vicino al campo. Gli amanti sapevano che, secondo i nazisti, "il sesso tra le razze era il peccato ultimo".

Il libro è in parte un resoconto di privazioni crudeli e in parte racconto di vari "miracoli" a cui ha assistito. Ad esempio, cinque nazisti lo hanno portato davanti a un muro di una caserma per essere fucilato, eppure è stato risparmiato. ("Nonostante la mia paura, tenevo la testa alta come un personaggio in un'opera di Shakespeare") . Poco dopo il loro arrivo ad Auschwitz, Jacobs fu separato da suo padre, ma un trambusto gli permise di salvarlo temporaneamente da quella che sarebbe stata morte certa.

Jacobs con clandestinità ricevette una lettera nel campo di concentramento da sua sorella che diceva : "Quando riceverai questa lettera, la mamma e io non saremo più vivi." La lettera continuava dicendo che l'intero ghetto stava per essere abbandonato a Chelmno. Sua madre scrisse: "Forse ci incontreremo tutti in un altro mondo." Ma attraverso una notevole serie di circostanze, li incontrò di nuovo in questo mondo, un'ultima volta. 

Nel 1945 Jacobs fece parte di un trasferimento di prigionieri in Svezia a bordo della nave Cap Arcona che i britannici silurarono; era uno delle poche centinaia, di circa 5.000, che sopravvisse. Arrivò negli Stati Uniti dopo la guerra e si stabilì a Boston. Jacobs fece un tour negli Stati Uniti e in altri luoghi per condividere le sue esperienze e parlare delle persone che aveva cercato di aiutare, ma non scrisse le sue memorie fino all'età di ottant'anni. A quel tempo era già malato di cancro alla gola. 

 

Sebbene il primo ordine di recuperare i denti d'oro fosse stato emesso il 23 settembre 1940, la sua coerente attuazione venne ritardata di due anni fino al periodo che divenne noto come "La soluzione finale".

La ragione di questa improvvisa, rinnovata attenzione all'ordine in quel momento fu la mancanza di valuta che i nazisti stavano sperimentando per l'acquisto di materie prime per lo sforzo bellico.

Uno studio francese riporta che diciassette tonnellate di oro dentale provenivano dai campi. Venticinque chili di questo oro dentale venne recuperato a Mauthausen durante gli anni della guerra, dai cento a cinquecento chili al mese a Buchenwald nello stesso periodo e sei tonnellate da Auschwitz.

A Treblinka, ogni settimana venivano immagazzinati in valigie da otto a dieci chili d'oro. 80.000 denti sono stati trovati in alcune scatole durante la liberazione del campo di Oranienburg Sachsenhausen in Germania. 

 

Una copia del libro è disponibile in questo sito 

Beniamin Jacobs
 

Altri libri sull'argomento

Se questo è un uomo - Primo Levi; ed. Einaudi

La scelta di Sophie - William Styron; ed. Mondadori

Ritorno alla vita - Vincenzo Pappalettera; ed. Mursia

 

 

Leggi tutto il messaggio
Altre informazioni: Olocausto, biografie, guerra
Pubblicato il da

Il grande Meaulnes. Alain-Fournier e la bella Yvonne

Leggi tutto il messaggio: Il grande Meaulnes. Alain-Fournier e la bella Yvonne

 

Scrittori che hanno lasciato un solo romanzo 

Il grande Meaulnes di Alain-Fournier

 

Lo scrittore francese Alain-Fournier, nato nel 1886, ebbe il desiderio di diventare scrittore all'età di 17 anni componendo alcune poesie. Nel 1905, durante un suo soggiorno a Londra, assimilando autori anglosassoni come Hardy, Wells, Emily Brontë, scrisse una lettera al suo amico Jacques Rivière, esponendogli l'idea di diventare un romanziere come Dickens. Probabilmente da quel giorno si mise all'opera sul suo libro  Il Grande Meaulnes. Ma prima che il romanzo raggiungesse la forma finale nei primi mesi del 1913, Alain-Fournier fece molti tentativi e riscritture nel corso degli ultimi otto anni, pubblicandolo ne La Nouvelle Revue Française da luglio a novembre 1913.

 

Nel giugno 1905, giorno dell'Ascensione, Fournier, ancora studente di scuola stava visitando la "Mostra Nazionale" al Grand Palais quando sulle scale di pietra, i suoi occhi incontrarono quelli di una giovane ragazza bionda, "bella come un lilla bianco", elegante, slanciata, con accanto una vecchia signora appoggiata al suo braccio. Affascinato, la seguirà fino a casa al Boulevard Saint-Germain. Una mattina, poco prima della messa di Pentecoste gli sussurrerà "Voi siete bellissima". Alla fine della messa si avvicinerà di nuovo.  Fournier gli chiederà il suo nome. Lei esiterà, poi girandosi a destra, dirà con orgoglio: "Il mio nome? Mi chiamo Yvonne de Quiévrecourt". Poi tremando gli proibirà di continuare a seguirla. Verrà a sapere che lei è già impegnata e sta per sposarsi.

 

Questo incontro segnerà per sempre la vita del futuro scrittore, riportando in Le Grand Meaulnes la figura amata nel personaggio di Yvonne, associando all'opera anche i suoi più cari ricordi d'infanzia. Otto anni dopo la rintraccerà, divenuta madre di due figli, e la incontrerà in un parco confessando il suo amore infelice, ma ormai il passato ha avuto la meglio. All'inizio del 1914 inizierà un altro romanzo Colombe Blanchet, che rimarrà incompiuto. La guerra incombeva e Alain-Fournier partito per il fronte cadde sotto i proiettili tedeschi a Saint-Rémy, vicino a Verdun, venne ritenuto disperso, finché i suoi resti non vennero scoperti nel 1991 in una fossa comune. Quanto a Yvonne, sarebbe sopravvissuta fino al 1964 senza sapere di essere ritratta nel suo unico libro. 

 

IL GRANDE AMICO MEAULNES - Garzanti (1965)

 

VEDI ANCHE ALTRI AUTORI DELLA 

Narrativa francese

 

 

Leggi tutto il messaggio
Altre informazioni: narrativa francese
Pubblicato il da

Libri sulla guerra e l'Olocausto: La scelta di Sophie di William Styron

Leggi tutto il messaggio: Libri sulla guerra e l'Olocausto: La scelta di Sophie di William Styron

La scelta di Sophie uscì nel 1979 scritto da William Styron (1925-2006)  narratore del profondo sud americano in linea con la tradizione del realismo dettata da William Faulkner.

Vi si narra in prima persona delle avventure di Stingo un ventenne che vuole diventare scrittore. Congedato dai marines si troverà un alloggio nella Brooklyn del dopoguerra. Qui incontra un insolita coppia Nathan e Sophie, attratto dalle incessanti e rumorose attività erotiche di questi due trentenni, belli, estroversi e innamoratissimi l'uno dell'altra; ma, lentamente, verrà fuori che ciascuno ha un segreto, quasi inconfessabile, e alla lunga rovinoso.


Veniamo a scoprire che Sophie è una polacca reduce da Auschwitz, dove fu internata, anche se non era ebrea. Il polso tatuato e la denutrizione sono le uniche tracce apparenti del suo tragico passato; Sophie, una cattolica diventata atea e una donna che, per amore dei suo figli, ha fatto tentativi dolorosi collaborando con le SS tedesche.

La donna gli confesserà il suo passato che la ossessiona nel rievocare gli anni dell'internamento, strato dopo strato, i suoi segreti: vittima e complice ad Auschwitz, interpretando il ruolo di antisemita per ingraziarsi i funzionari, disposta a usare il suo corpo per ottenere vantaggi, costretta infine a scegliere quale dei suoi due bambini piccoli sarebbe morto, il suo atroce segreto che la perseguita da anni.


Il titolo riprende una decisione dolorosa che Sophie dovette compiere per salvarsi dai nazisti e dall 'internamento, una separazione forzata, raccontata come altri momenti drammatici del romanzo, che tornano continuamente con sorprendente vivezza, mettendoci quasi a disagio.


La scelta di Sophie è un melodramma psicologico dove la natura del male è il turbine crescente che trascina gli altri dentro il suo vortice, (costellato da diversi termini per adulti), arricchito dal personaggio di Sophie, un concentrato dei sopravvissuti all'Olocausto, che dà a Styron l'opportunità di esporre una sua visione sui mali della storia e sull'antisemitismo.

Il libro

William Styron

LA SCELTA DI SOPHIE

 

 

VEDI ANCHE : IL DENTISTA DI AUSCHWITZ. UNA STORIA VERA

 

Fonti: Duecento pagine 

Leggi tutto il messaggio
Pubblicato il da

La donna di trent'anni secondo Balzac

Leggi tutto il messaggio: La donna di trent'anni secondo Balzac

Una storia d'amore fra delusione e disillusione di una giovane sposa privata del diritto di emancipazione e del piacere

 

 

Ne La donna di trent'anni o La trentenne, lo scrittore francese Honoré de Balzac, ci racconta la storia di Julie d'Aiglemont, una donna con un matrimonio socialmente desiderabile e persino brillante, ma sbagliato, che la porterà alla rovina. Julie da giovane madre proverà a resistere di fronte a una forte passione adultera, poi in tutto il suo splendore della maturità, ritroverà il gusto dell'amore, ma questo sarà interrotto dalla punizione finale in un tragico destino.

 

Ivan Kramskoy - Portrait of a Woman (1867)

 

 

 

La nostra Julie ci appare nel 1813 giovane e innamorata di un brillante colonnello di cavalleria, suo lontano parente, Victor conte d'Aiglemont. Lei non avrà idea che dopo un anno questo diventerà un matrimonio doloroso. Il padre della giovane, che conosce a fondo la delicata creatura cercherà di opporsi alla grossolanità di Victor. Ma invano. Pochi mesi dopo, i due sono già sposati. L'incompatibilità fra i due caratteri diversi si rivelerà più avanti, complicata da una certa insofferenza che intaccherà la fragile costituzione fisica della donna.

 

"Come la maggior parte dei mariti che si sentono soggiogati da uno spirito superiore, il marchese salvava il suo amor proprio facendo derivare dalla fragilità fisica anche la debolezza morale di Julie, che si divertiva a compiangere, mentre si chiedeva perché la cattiva sorte gli avesse dato in sposa una ragazza malaticcia. Insomma, si considerava la vittima, mentre era il carnefice. La marchesa, oppressa da tutto il dolore di una esistenza del genere, doveva per di più sorridere al suo inetto padrone, ornare di fiori una casa in lutto, e mascherare di gioia un viso reso pallido dalle pene segrete".

 

Mentre il suo amore per il marito si spegne, una fiamma si accende per un giovane lord inglese. Arthur Ormond, amore a cui lei resiste con tutte le sue forze, provocando una serie di incidenti. Arthur però pagherà con la vita l'onore di Julie.

Ritroveremo Julie a trent'anni, ancora bella e attraente, rassegnata ormai anche alle isolate infedeltà del marito, disposta a trattarlo solo come un buon amico, alleata della nuova fortuna politica e mondana di lui.

Ancora una volta troverà consolazione in un nuovo amore con meno ideali del primo:  il diplomatico Charles de Vandenesse, dal quale avrà un figlio. Un rapporto punito drammaticamente dalla morte del piccolo e dalla fuga di un altra figlia, Hélène, con un assassino, insieme ad altre vicissitudini drammatiche successive. 

 

"La marchesa, a trent’anni, era bella anche se fragile di aspetto e delicatissima. La sua maggiore attrattiva veniva da un’espressione calma che rivelava una sorprendente profondità spirituale...Se lanciava sguardi intorno a sé, lo faceva con un movimento triste, come se riservasse il fuoco dei suoi occhi a contemplazioni segrete. Perciò ogni uomo superiore si sentiva stranamente attirato da quella donna mite e silenziosa"

 

La donna di trent'anni, non pare un romanzo di Balzac tradizionale. Nell'idea dello scrittore come Scene della vita privata, intende mettere in evidenza i caratteri delle donne sposate nei primi anni del XIX secolo. Questo spiega la composizione di questo libro costruito come un mosaico da sei diverse scene che saranno via via unite come i capitoli di un romanzo. Una storia di delusione e profonda disillusione di una giovane sposa, privata del diritto di emancipazione e del piacere.

 

Illustrazione di Adrien Moreau per l'edizione inglese 

de La donna di trent'anni 

 

Balzac aveva avuto una sorella, Laurence Balzac, morta a 23 anni in miseria e dolore dopo un matrimonio - in apparenza brillante ma infernale - con il nobile Armand Désiré Montzaigle (il modello del cattivo del romanzo Aiglemont). Poco prima del matrimonio la madre di Balzac inviò una lettera a Montzaigle dove confermava che la figlia non era mai stata toccata da un uomo, era priva di qualsiasi malattia, e la sua salute era perfetta. Tutto il contrario del futuro marito: giocatore incallito e donnaiolo. Presto la coppia, con due figli a seguito, si impantanò fra debiti e pignoramenti e la giovane donna malata morì abbandonata e senza un soldo. Laurence Balzac è sepolta al Père-Lachaise.

 

 

 

  • La donna matura ancora desiderabile

 

 

Lo scrittore aveva "inventato" la donna di trent'anni - scriverà Charles-Augustin de Sainte-Beuve - una della "scoperte più vere nell’ambito del romanzo intimo. La chiave del suo immenso successo era tutta in quel primo capolavoro. Le donne gli perdonarono poi molte cose, e gli credettero sulla parola, ad ogni nuovo incontro, per avere così ben azzeccato, una prima volta.". Come indicato nel capitolo centrale del romanzo, Balzac insiste particolarmente su questo periodo dei trenta, quando la donna ha raggiunto l'apice della femminilità. Una donna adulta, ma matura; più ricca, più interessante della ragazza o della sposa giovane.

 

Nel XIX secolo, l'età di trent'anni non era affatto banale perché in realtà significava per una donna la fine della sua giovinezza spensierata. Come Julie - l'eroina del romanzo - a trent'anni, una donna era generalmente sposata, con la famiglia a cui pensare, e il suo futuro era spesso senza sbocchi. Questa donna doveva, seppure ancora nella pienezza del suo fascino, concentrarsi esclusivamente sui suoi doveri coniugali e nell'educazione dei figli, a parte forse in alcuni ambienti della borghesia o dell'aristocrazia, dove aveva l'opportunità di "continuare a vivere".

 

Balzac ci mostra questo quando organizza un incontro commovente tra la vecchia contessa Listomère-Landon e la giovane sposa Julie d'Aiglemont. La contessa era probabilmente a suo tempo una donna "evoluta", lei vedrà la profonda disperazione di Julie e il suo vero "disincanto".

 

Illustrazione di Adrien Moreau per l'edizione inglese 

de La donna di trent'anni 

 

Le trentenni di Balzac sono creature dalla maturità autunnale, deluse dalla vita e dall’amore, che non hanno più nulla da attendere per sé stessi e vedono la felicità nel fatto di essere ancora una volta desiderate, nel poter essere ancora compagne e consolatrici. 

 

Sposando Aiglemont, uomo insensibile, rozzo, senza fede, giocatore, povero e maleducato, Julie rinuncerà ai suoi sogni di ragazza romantica che non gli hanno dato la felicità come sperato. La Contessa, "una di quelle belle vecchie signore dal colorito pallido e dai capelli bianchi", un personaggio delicato e simpatico, cercherà di aiutare questa giovane donna proponendo di convertirla alle dottrine monarchiche dell'epoca di Luigi XV con alcune ricette efficaci per "frenare" il nipote bifolco, ma purtroppo la sua morte prematura interromperà questi bei progetti.

 

Cambiano i tempi ma "la donna di trent'anni o la trentenne", rimane oggi un mito che non ha perso tutta la sua verità. Oggi, la moglie di trent'anni è diventata la moglie di quarant'anni e a volte di più. Ma alcune idee sono tuttora valide, affrontando regolarmente la questione della libertà delle donne "di una certa età", e soprattutto della loro libertà sessuale, il diritto al piacere e la realizzazione personale.

Lo stesso Balzac verrà attratto nel corso della sua vita da donne più grandi di lui.

«La donna di quarant’anni farà tutto per te; quella di venti, nulla» ripeterà.

 

 

  • Balzac e Flaubert

 

Balzac scrisse La donna di trent'anni o La trentenne fra il 1829 e il 1842. La tempistica della pubblicazione è difficile da rintracciare in quanto egli ha costantemente modificato il testo, tagliandolo in frammenti o racconti pubblicati su riviste, prima di raccogliere il tutto sotto il titolo definitivo nel 1842. Lo scrittore morirà nel 1850. 

 

Non si può fare a meno di pensare al personaggio adultero della Bovary. Qualche anno dopo, nel 1857, un 36enne di nome Gustave Flaubert pubblicava con un certo scandalo Madame Bovary, probabilmente ispirato da questo romanzo, anche se raccontava un fatto realmente accaduto.

 

Se da una parte Flaubert ammirava Balzac "era un uomo forte e che aveva assolutamente capito il suo tempo. Lui, che aveva così ben studiato le donne, è morto appena si è sposato, e quando la società che conosceva ha cominciato a dissolversi" (lettera a Louis Bouilhet 1850), dall'altra come giovane alla ricerca di una nuova forma letteraria lo disprezzava "Che uomo sarebbe stato Balzac se avesse saputo scrivere! Non gli è mancato che questo. Un artista dopo tutto non avrebbe fatto tanto, non avrebbe avuto quell’ampiezza" (a Louise Colet 1852).

 

Se il realismo di Balzac risulta più immaginario o visionario, quello di Flaubert appare più rigoroso e razionale tanto che la Bovary gli costerà una condanna di oscenità, e poi l'assoluzione .

 

I romanzi di Balzac disponibili in questo sito :

 

PAPÀ GORIOT

 

LA PELLE DI ZIGRINO

 

L'ALBERGO ROSSO 

 

Eugenie Grandet - Balzac; ed. Casini 1965

 

 

 

 

 

 

 


 

riferimenti: La donna di trent'anni dal blog Duecento pagine

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi tutto il messaggio
Altre informazioni: Balzac, donna, narrativa francese
Pubblicato il da

Virginia Woolf, La signora Dalloway, romanzi e racconti

Leggi tutto il messaggio: Virginia Woolf, La signora Dalloway, romanzi e racconti

 

 

«I libri mi deliziano l’anima» scriveva Virginia Woolf in una lettera del 1902.

Da La signora Dalloway ai romanzi e i racconti della grande scrittrice

Nata nel 1882 figlia di un solenne critico letterario che da piccola gli lasciava leggere i libri della biblioteca con una voracità inusuale "Leggeva e sognava e ricopiava nel suo quaderno le frasi più belle." Ogni volta che finiva un libro il padre le chiedeva un parere, voleva che i figli sviluppassero un proprio giudizio critico cercando di riconoscere le qualità di un libro. Virginia era quella che dava più soddisfazione, in seguito dalle sue letture maturerà un profonda conoscenza della letteratura inglese che userà anche nei suoi saggi critici. 

 

George_Charles_Beresford_-_Virginia_Woolf

 

Dopo la morte della madre in lei si scatenarono i primi disturbi psichici che l'accompagneranno fino alla morte per suicidio, lasciandosi annegare nel marzo 1941 sul fiume Ousel. 

Rifiuterà varie proposte di matrimonio, poi nel 1912 sposerà Leonard Woolf viaggiando insieme per il continente.

Nel 1915 pubblica La crociera e incomicia a pensare ad un nuovo stile narrativo più psicologico e interiore. Poco dopo Leonard e Virginia fondano una casa editrice, comprano una pressa da stampa la mettono nella sala da pranzo e incominciano a stampare libri di altri autori, oltre ai suoi come La signora Dalloway, o Al faro, all'epoca si imponeva un nuovo modo di narrare con "il flusso di coscienza" di cui l'esponente più noto fu Joyce di cui per certi versi ammirava. 

Ma lei voleva creare e modellare un suo proprio stile "Scriverò quello che mi va di scrivere, e basta" dice. “Mi leggeranno, se gli piacerà”. Diventerà scrittrice proprio per il coraggio della propria libertà. 


Femminista convinta "non dimostrò mai nessuna insofferenza a collocarsi dalla parte delle donne; evidentemente, non riteneva che stare da quella parte rendesse le sue opere meno universali. No, Virginia Woolf non ebbe timore a identificarsi con il “sesso debole”; semmai, provò un certo orgoglio nel mettersi nei panni dell’outsider." scrive Nadia Fusini nella sua biografia Possiedo la mia anima.


Virginia Woolf era un artista devota alla sua arte, ci metteva l'anima e la salute nella creazione delle sue opere. Per indicare quale impegno mise per scrivere La signora Dalloway e in genere per tutto quello che componeva annota nel Diario :

«Pensa a quanto mi sono costate le prime pagine di Dalloway! Ogni parola distillata spremendomi instancabilmente il cervello. (...) dopo il tormento - un tormento continuo, eccetto la fine di Mrs Dalloway (...) l’ho scritto tutto con la febbre a 37 e 5, credo».

Dopo la pubblicazione di Mrs Dalloway, insicura del successo del libro Virginia, sprofondata nella lettura di Proust, si domanda : «Mi chiedo se questa volta sono riuscita in qualcosa. Naturalmente non è nulla in confronto a Proust, nel quale sono ora immersa». 

Da ricordare i numerosi racconti scritti per varie riviste, in vita pubblicò solo otto racconti riuniti in un unico volume Lunedì o Martedì, solo dopo la sua morte il marito Leonard fece pubblicare una raccolta più ampia.  

 

VEDI IN QUESTO SITO

 

Uno dei suoi primi romanzi innovatori dal punto di vista stilistico nella letteratura del '900. Il libro racconta una giornata di Clarissa Dalloway moglie di un politico che deve organizzare una festa per un ricevimento in cui sarà presente il Primo Ministro. Ciò viene narrato dal punto di vista interno del personaggio, mentre la storia si sposta avanti e indietro nel tempo, e dentro e fuori le menti dei personaggi costruendo una rappresentazione della vita di Clarissa e della struttura sociale inglese tra le due guerre.

 

raccolta di impressioni sulla metropoli londinese dove tutto è animato, curioso e multiforme. 

 

Romanzo imprevedibile e smagliante, nutrito di un'immaginazione ariostesca, Orlando racconta la vicenda di un giovane cortigiano di Elisabetta I la cui vita trascorre lieve attraverso i secoli e i luoghi, tra la campagna inglese, Londra, l'Estremo Oriente, mentre il ragazzo, da giovanotto seducente, si trasforma in una aggraziatissima dama che, giunta all'inizio del Novecento, abbraccerà con successo la carriera letteraria. 

 

Leggi tutto il messaggio
Altre informazioni: Woolf, narrativa inglese
Pubblicato il da

Georges Simenon e i romanzi duri senza Maigret

 

Georges_Simenon_19651

 

 

La fortuna con Maigret ma Simenon ambiva al Nobel

 

 

Lo scrittore belga Georges Simenon (1903 - 1989) fu un infaticabile produttore di romanzi e racconti scritti sotto vari pseudonimi su riviste popolari, prima di arrivare al successo con il commissario Maigret nel 1931. I circa 100 romanzi sul commissario scritti nel corso di 40 anni lo misero alla pari dei grandi autori inglesi di gialli e con un proprio stile psicologico rinnovò il genere poliziesco. 

 

 

 

Se da una parte il personaggio di Maigret gli dette la fama popolare che cercava, dall'altra Simenon aspirava ad un riconoscimento maggiore da parte della critica. 
Incomincerà a prendersi una pausa fra un Maigret e l'altro, e si metterà a scrivere i cosiddetti "romans durs" romanzi duri, senza il commissario, a partire da La locanda d'Alsazia (1931). Pur essendo romanzi lodati da alcuni, qualcuno dei critici non ne era convinto  "ll più delle volte, Simenon veniva paragonato a Joseph Conrad e a Balzac, al primo per l’esotismo delle situazioni e la fiacchezza dei personaggi, al secondo per la lunghezza del romanzo, la complessità della composizione". Simenon comunque continuava la sua ricerca nello scrivere il grande romanzo che secondo lui lo avrebbe messo nel pantheon dei grandi. 

Ma i lettori, anche quelli fuori dalla Francia, attendevano trepidamente le inchieste del commissario "la base del suo successo risiedeva nel numero dei titoli pubblicati ogni anno e non nel numero delle copie vendute per titolo. Era il suo modo di inondare il mercato. I suoi lettori fedeli facevano appena in tempo a finire un romanzo e subito ne veniva annunciato un altro in uscita". L’autore dei Maigret vendeva in media il doppio o il triplo dell’autore dei “romanzi duri”. 


Gli stessi inglesi lodavano il suo stile che riusciva ad appassionarli con poche parole, mettendo in rilievo l’atmosfera e i personaggi. Julian Symons, critico letterario inglese, disse che " Il loro creatore è, per certi aspetti, il più straordinario fenomeno letterario del secolo: ma il suo talento è quello di un chirurgo letterario anziché quello di un grande creatore". 
Il Simenon senza Maigret verrà riscoperto più avanti dopo la sua morte dandogli il posto che si meritava nella letteratura. 


A 69 anni malgrado il successo mondiale era risentito per non aver ricevuto il premio letterario per eccellenza: il Nobel. Il suo nome circolava spesso negli ambienti fin dalla fine degli anni '40. Ma veniva sempre scartato. 


Nel 1947, secondo quanto previsto da egli stesso Simenon avrebbe dovuto ricevere il premio. Anni dopo avrebbe spiegato: «Era quasi fatta. Allora ho annunciato tramite la stampa che, se me l’avessero dato, lo avrei rifiutato. Non sono un animale da competizione. Non voglio alcuna medaglia».

Il premio andò ad un altro francese Andrè Gide. L’ingiustizia era dovuta forse alla sua reputazione di scrittore di romanzi popolari e polizieschi, un sottogenere come lo definivano alcuni, che l’Accademia svedese non gradiva.

Anche dei romanzi duri si contano oltre cento libri pubblicati in Italia da Mondadori dagli anni '40 ai '60. Dal 1985 la casa editrice Adelphi ha dato il via a nuove ristampe e traduzioni. 


Alcuni "romanzi duri" scritti da Simenon disponibili in questo sito 

 

In un piccolo edificio nel Faubourg Saint-Honore (Parigi), che appartiene alla sua famiglia, Dominique conduce una vita limitata e scialba. Gli piace spiare le altre vite nelle case di fronte, specie la casa dei Rouet, una famiglia di ricchi industriali. Un giorno, dalla sua finestra, mentre osserva gli appartamenti dei Rouet, vede che qualcuno sta morendo. Invece di aiutare l'uomo che pare soffrire di cuore, una donna versa le gocce della sua medicina ai piedi di una pianta verde facendolo morire. Da quel momento Dominique è l'unica a sapere la verità.
 

François Combe, detto Frank, è un attore teatrale che ha avuto i suoi giorni di gloria in Francia. Per sei mesi, ha vissuto a Manhattan sperando di dare una seconda svolta alla sua carriera, ma anche perché si è separato dalla moglie - anche lei attrice - che lo ha lasciato per un uomo molto più giovane di lui.
A Manhattan, Frank senza lavoro; passa la maggior parte del tempo da solo, vagando per le strade. Una sera, in un bar, incontra Kathleen Miller, conosciuta come Kay, una donna austriaca di trentadue anni. Non ha un posto dove stare e, mentre Frank si sente attratta da lei, si offre di aiutarla. Prendono una stanza in un albergo e fanno l'amore tutta la notte, dimenticando per un po ' i loro rispettivi problemi e tutto ciò che li circonda...

 

Jonas Milk, viene da Arkhangelsk, in Russia, dove visse solo un anno. Ora si è stabilito in una piccola città della provincia francese. Un uomo timido e schivo con uno sguardo infantile, gestisce una piccola impresa di libri usati e francobolli. Per due anni, è stato sposato con Gina che era la sua donna delle pulizie prima di diventare sua moglie. La coppia ha pochi contatti, ma apparentemente tranquilla. Jonas tiene a Gina e non gli fa il minimo rimprovero, nemmeno quello delle sue infedeltà. Jonas libraio e filatelico del Mercato Vecchio - che è riuscito a mescolarsi con gli altri per dimenticare la sua condizione di straniero - potrebbe essere un modello di integrazione sociale ... fino al giorno in cui la bella e seducente Gina scompare. 

 

VEDI ANCHE IL VOLUME

Romanzi. vol. 2 - Georges Simenon; ed. Adelphi

 

 

Altri romanzi di Simenon con Maigret li trovi nella sezione :  Narrativa di genere

 

 

(Rif. e note Georges Simenon: una biografia di Pierre Assouline)

 

 

Leggi tutto il messaggio
1 - 10 di 11 risultati