Web Analytics

Il dentista di Auschwitz: una storia vera

Pubblicato il da

Il dentista di Auschwitz: una storia vera

Il dentista di Auschwitz: una storia vera

 

 

Benjamin Jacobs (1919-2004) è stato un dentista polacco che nel 1941 venne deportato dal suo villaggio ad Auschwitz rimanendo prigioniero fino alla fine della guerra. Sopravvisse esclusivamente con l'aiuto dei suoi strumenti dentali esercitando la sua professione all'interno del campo di concentramento. 

 

 

jacob-dentista

 

 

Nel giugno del 1941, centosessanta uomini tra i sedici e i sessant'anni furono trasportati dalla piccola città di Dobra, nella Polonia occidentale, dai nazisti occupanti. Questi sfortunati uomini, strappati alle loro famiglie, saranno destinati a una serie di campi di lavoro e di concentramento. Uno di loro era al primo anno di studi dentistici, Bronek Jaciebowicz (Benjamin Jacobs).

Il giorno del trasporto a ogni uomo furono concessi due pacchi di oggetti. Mentre Benjamin si preparava a partire, sua madre gli consigliò di includere gli strumenti dentistici del primo anno in una scatola rossa. Allora non poteva sapere che questi strumenti gli avrebbero salvato la vita. 

 

Dentist_tool_-_dental_equipment_01


Ad Auschwitz il comandante delle SS Otto Moll aveva un mal di denti e così si fece visitare dal dentista emaciato del campo, un detenuto ebreo di Dobra, in Polonia, di nome Berek Jakubowicz. Sistemandosi sulla sedia, estrasse la pistola e la puntò verso il medico. "Non tentare di fare qualcosa di stupido, dentista", lo avvertì.

«Herr Hauptscharfuhrer», rispose il dentista, sfiorando la pistola  "Non ha di che preoccuparsi. La pistola è proprio qui vicino ". Lui sorrise imbarazzato e rimise la pistola nella fondina. 
Questo è uno dei tanti momenti orribili e memorabili del libro di memorie di Benjamin Jacobs (l'ex Berek Jakubowicz). I suoi strumenti dentali, che portava in una scatola rossa brillante, furono il suo passaporto per la sopravvivenza.


Il comandante aveva ordinato la costruzione di una stazione dentale nel Blocco 7 e Jacob divenne il dentista del campo con alcuni privilegi e razioni supplementari, in attesa che le sue mani rovinate dal lavoro in miniera, fossero guarite. L'arrivo del famigerato dottor Josef Mengele aggiungerà una nota macabra al suo lavoro: cavare i denti d'oro dai detenuti morti.

«Provai disgusto. Non pensavo che qualcuno potesse abbassarsi così tanto. Uccidere la gente era già abbastanza orribile, ma strappare i denti dei morti era una cosa rivoltante. Non pensavo di poterlo fare. Ma era inevitabile. Non avevo altra scelta.» 

Sessant'anni dopo essere sopravvissuto alla deportazione, alla schiavitù, ai pestaggi, alla fame e persino all'affondamento di una nave, Jacobs racconta una storia commovente e dolorosa. Per prendere in prestito una metafora dell'odontoiatria, immagina il dolore di un dente estratto e come può consumare tutto il tuo essere; ora immagina quanto possa sembrare banale se inserito nel contesto di Auschwitz.

 

C'è anche una breve storia d'amore primaverile nel libro. Uscendo di soppiatto di tanto in tanto da un campo di lavoro, Jacobs avrà una relazione amorosa nei boschi con una giovane donna polacca, Zosia, una persona retta che cercava di salvare lui e suo padre. Una ragazza che viveva vicino al campo. Gli amanti sapevano che, secondo i nazisti, "il sesso tra le razze era il peccato ultimo".


Il libro è in parte un resoconto di privazioni crudeli e in parte racconto di vari "miracoli" a cui ha assistito. Ad esempio, cinque nazisti lo hanno portato davanti a un muro di una caserma per essere fucilato , eppure è stato risparmiato. ("Nonostante la mia paura, tenevo la testa alta come un personaggio in un'opera di Shakespeare.") Poco dopo il loro arrivo ad Auschwitz, Jacobs fu separato da suo padre, ma un trambusto gli permise di salvarlo temporaneamente da quella che sarebbe stata morte certa.

Jacobs con clandestinità ricevette una lettera nel campo di concentramento da sua sorella che diceva : "Quando riceverai questa lettera, la mamma e io non saremo più vivi." La lettera continuava dicendo che l'intero ghetto stava per essere abbandonato a Chelmno. Sua madre scrisse: "Forse ci incontreremo tutti in un altro mondo." Ma attraverso una notevole serie di circostanze, li incontrò di nuovo in questo mondo, un'ultima volta. 

Nel 1945 Jacobs fece parte di un trasferimento di prigionieri in Svezia a bordo della nave Cap Arcona che i britannici silurarono; era uno delle poche centinaia, di circa 5.000, che sopravvisse. Arrivò negli Stati Uniti dopo la guerra e si stabilì a Boston. Jacobs fece un tour negli Stati Uniti e in altri luoghi per condividere le sue esperienze e parlare delle persone che aveva cercato di aiutare, ma non scrisse le sue memorie fino all'età di ottant'anni. A quel tempo era già malato di cancro alla gola. 

 

Sebbene il primo ordine di recuperare i denti d'oro fosse stato emesso il 23 settembre 1940, la sua coerente attuazione venne ritardata di due anni fino al periodo che divenne noto come "La soluzione finale". La ragione di questa improvvisa, rinnovata attenzione all'ordine in quel momento fu la mancanza di valuta che i nazisti stavano sperimentando per l'acquisto di materie prime per lo sforzo bellico. Uno studio francese riporta che diciassette tonnellate di oro dentale provenivano dai campi. Venticinque chili di questo oro dentale venne recuperato a Mauthausen durante gli anni della guerra, dai cento a cinquecento chili al mese a Buchenwald nello stesso periodo e sei tonnellate da Auschwitz. A Treblinka, ogni settimana venivano immagazzinati in valigie da otto a dieci chili d'oro. 80.000 denti sono stati trovati in scatole durante la liberazione del campo di OranienburgSachsenhausen.

 

Autore: Beniamin Jacobs
Editore: Gingko 2012

 

 

Altre informazioni: Olocausto, biografie, guerra

Scrivi commento
Testata
Commento